top of page
  • Immagine del redattoreRubber Conversion

Rubber Conversion in Re-Shoes per migliorare la sostenibilità delle calzature

Il progetto fa parte dell’iniziativa Life dell’Unione Europea e coinvolge aziende e università per individuare soluzioni per il recupero e il riciclo delle scarpe a fine vita.



All’ultima edizione di Ecomondo, Rubber Conversion ha presentato anche la partecipazione al progetto Life Re-Shoes, parte dell’iniziativa Life finanziata dall’Unione Europea, che punta a individuare una soluzione per inserire in un percorso circolare e sostenibile le scarpe giunte a fine vita, introducendo il riciclo virtuoso come nuovo standard all’interno della filiera dell’industria calzaturiera. Re-shoes, si svilupperà nell’arco di 42 mesi e prevede la produzione e messa in commercio di nuovi modelli di calzature realizzati attraverso la raccolta, la selezione e il riciclo di scarpe giunte a fine utilizzo.

Sviluppare un modello di riciclo per le calzature

Il progetto ha come capofila Scarpa, storica azienda italiana di calzature per la montagna e per le attività outdoor basata ad Asolo, che ha ricevuto un finanziamento di 2,6 milioni di euro. per arrivare a creare una prima produzione e a industrializzarla entro il 2026. Il progetto ha lo scopo di fare da apripista per un modello di riciclo applicabile anche dalle altre aziende del calzaturiero, per le quali oggi il riutilizzo dei prodotti a fine vita è un problema non secondario.


Soluzioni per migliorare la sostenibilità del sistema moda

L'Italia è il primo produttore di calzature nell'Unione Europea, con un fatturato annuo totale di circa 14 miliardi di euro. Tuttavia, oggi non esistono praticamente soluzioni per recuperare e riciclare le scarpe una volta raggiunta la fase di fine vita. La sfida ambientale più importante del settore calzaturiero è l'enorme quantità di rifiuti generati nella fase di fine vita, dove la maggior parte delle scarpe viene smaltita in discarica: negli ultimi anni la tendenza del fast fashion ha ulteriormente aggravato la situazione. Meno del 5% dei 24 miliardi di paia di scarpe prodotte ogni anno viene riciclato o riutilizzato, il resto va in discarica o rimane per anni negli armadi.


Ridurre l’impatto ambientale: il recupero della pelle e della gomma

In una prima fase il progetto prevede il coinvolgimento della rete distributiva del produttore in alcune aree test in Italia, Germania ed Austria, per raccogliere dai consumatori 15mila paia di scarpe usate del modello Mojito.

Il progetto implementa un nuovo approccio per il recupero della pelle e si basa sulla dissoluzione selettiva per idrolisi. Il liquido così ottenuto verrà poi utilizzato per conciare nuova pelle senza l’aggiunta di sostanze chimiche. La produzione si basa sul processo EVOLO (già utilizzato da SCARPA) che già oggi permette di arrivare fino al 20% di contenuto riciclato, con l’obiettivo di aumentarlo fino al 50%.

Un altro punto essenziale del progetto riguarda la gestione degli sfridi di gomma generati durante il processo di taglio, che attualmente vengono quasi completamente termovalorizzati. Grazie alla tecnologia di Rubber Conversion, questi scarti vengono inseriti in una logica circolare e rigenerativa utilizzando le materie prime seconde così ottenute nella realizzazione dei nuovi modelli.

Gli obiettivi di Re-Shoes prevedono di raggiungere un range di utilizzo di materiale riciclato tra il 50 e il 70%, puntando a una riduzione, rispetto ai processi standard, del 52,4% di gas serra, del 50% di sostanze chimiche, del 65% di consumo di acqua e del 54,5% di energia.


L’Unione Europea promuove la moda green

RE-SHOES è promosso da un consorzio di aziende, tra cui Rubber Conversion, unite da un obiettivo comune: creare un'opportunità di riciclo e recupero dei materiali in un settore in cui i rifiuti generati in fase di fine vita sono molto elevati. Il progetto è stato presentato all'interno del programma europeo LIFE e ha superato con successo la prima fase di selezione per l'ammissione al contributo dell'Unione Europea.


I partner di Life Re-Shoes

Sono numerosi i partner che affiancano Scarpa nelle diverse fasi di sviluppo del progetto Reshoes. Tra questi Rubber Conversion, che applicherà la propria tecnologia meccano-chimica di devulcanizzazione al recupero degli scarti di gomma per la produzione di nuova mescola rigenerata.

Tra gli altri partner figurano Alma Mater Studiorum - Università Di Bologna, che si occupa della progettazione per il riciclo e la produzione, dell’analisi di impatto ambientale e dell’analisi Life Cycle Assessment; Sciarada Industria Conciaria, per la separazione dei materiali e l’idrolisi della pelle, così come del processo Evolo per la produzione di pelli rigenerate; Rubbermac.it, per la produzione di lastre di gomma da materie prime secondarie, separazione componenti tessili e suole e riconversione in componenti per nuove suole; Innovando, per la parte di logistica della campagna di raccolta scarpe usate e Epsi - European Platform For Sports And Innovation, che segue networking e promozione.

43 visualizzazioni0 commenti
bottom of page